Eracleopoli

In quello che si chiama primo periodo intermedio della storia egiziana, mentre la sovranitÓ unitaria del Regno antico svaniva dalle mani dei re menfiti della VII e VIII dinastia, pretese per sŔ la legittima successione il monarca di Eracleopoli che, a detta di Manetone, si comport˛ pi¨ ferocemente dei suoi predecessori. Gli succedettero altri diciassette sovrani (IX e X dinastia), che ressero il Medio Egitto, sinchŔ il paese non fu riunificato dal principe tebano Mentuhotep I (XI dinastia) che apre il Regno medio. Il sito di Eracleopoli Ŕ sulla riva destra del Bahr Yusuf, vicino al villaggio di Ihnasya el Medina e vi si trovano resti del tempio di Herishef (o nella trascrizone greca Harsaphes), dio locale a testa di ariete, identificato con Eracle in epoca classica. Strabone riferisce che gli eracleopolitani veneravano l'icneumone, la mangusta africana, fatale alle uova del coccodrillo, cui erano devoti i vicini abitanti del nomo arsinuita (il Fayum).

Da "Guida alla civiltÓ dell'Egitto Antico" di Francesco L- Nera, ed. Mondadori

Torna alla cartinaTorna alla cartina


Webmaster: Maurizio Lira - mlira@libero.it
Graphics & design: Maurizio Lira   Text & lettering: Simonetta Albericci
Tutte le fotografie pubblicate in questo sito sono di proprietÓ privata ed Ŕ vietato farne uso a fini commerciali.

Torna alla home page
Torna alla Home Page