Fayum

E' un'oasi che si estende a fianco della valle del Nilo, a ovest di essa e a circa un centinaio di chilometri a sudovest del Cairo. Essa Ŕ alimentata da un canale, il Bahr Yusuf, proveniente dal Nilo. In etÓ molto antica, quando le piene del fiume erano pi¨ abbondanti, il Bahr Yusuf e il Fayum seguivano, in linea di massima, il regime del Nilo. Ci˛ causava l'inconveniente che l'oasi, per il continuo apporto di masse d'acqua che poi non trovavano vie d'uscita, tendeva a configurarsi come una zona palustre, dalla vegetazione lussureggiante, regno dei coccodrilli. I primi a ridurre il Fayum in condizioni di abitabilitÓ furono i faraoni della XII dinastia. Un secondo momento, dopo gli Amenemhat e i Sesostri della XII dinastia, in cui il Fayum fu importante Ŕ l'epoca tolemaica. Tolomeo II Filadelfo compý grandi lavori di irrigazione nella zona che si veniva inaridendo e vi insedi˛ , in situazione privilegiata, veterani e greci del Delta, che introdussero la coltura della vite. La regione Ŕ ricca di riferimenti storici dei due periodi citati ma i siti pi¨ importanti sono cinque: Hauara, Medinet el Fayum, Biyahmu, Medinet Madi e Kasr Karun.

Da "Guida alla civiltÓ dell'Egitto Antico" di Francesco L- Nera, ed. Mondadori

Torna alla cartinaTorna alla cartina


Webmaster: Maurizio Lira - mlira@libero.it
Graphics & design: Maurizio Lira   Text & lettering: Simonetta Albericci
Tutte le fotografie pubblicate in questo sito sono di proprietÓ privata ed Ŕ vietato farne uso a fini commerciali.

Torna alla home page
Torna alla Home Page