Medinet Madi

I greci chiamavano il luogo Narmouthis. Dedicato significativamente a Sobek il coccodrillo, dio locale, e a Renenuter dea delle messi e dei granai a celebrazione della bonifica, ampliato da costruzioni tolemaiche, Ŕ importante il tempio costruito da Amenemhat III e proseguito al figlio Amenemhat IV essendo uno dei rarissimi esempi di architettura religiosa del Regno medio. Un portico di due colonne papiriformi, con una sistemazione analoga a quella del tempio greco in antis, precedeva il santuario con tre nicchie. Il tutto ha dimensioni modeste, circa metri 10 per 11.

Da "Guida alla civiltÓ dell'Egitto Antico" di Francesco L- Nera, ed. Mondadori

Torna alla cartinaTorna alla cartina


Webmaster: Maurizio Lira - mlira@libero.it
Graphics & design: Maurizio Lira   Text & lettering: Simonetta Albericci
Tutte le fotografie pubblicate in questo sito sono di proprietÓ privata ed Ŕ vietato farne uso a fini commerciali.

Torna alla home page
Torna alla Home Page