Piankhy

Faraone Piankhy
Nomi Piankhy, Piye, Usimara Sneferra
Dinastia XXV (760-656 a.C.)
Anni di regno [747-716 a.C.]
Collocazione storica: Terzo Periodo Intermedio 1080-665 a.C.

Storia: Manetone, stranamente, non parla di questo grande guerriero sudanese o cushita che verso il 730 a. C. cambi˛ all'improvviso l'intero corso delle vicende egizie. Piankhy era figlio di un capotrib¨ o re chiamato Kashta, e fratello, pare, di Shabaka, chiamato da Manetone Sabacon.
Partito da Napata, Piankhy scese il corso del Nilo e, nel corso di una lunga campagna militare, sconfisse il rivale di origine siriana Tefnakht (XXIV Dinastia) e diede all'Egitto, dopo diversi decenni, una parvenza di unitÓ.
La stele di Gebel Barkal cui il faraone Piankhy affid˛ il resoconto della sua difficile lotta contro Tefnakht riporta nel dettaglio le fasi dello scontro presentandolo come una battaglia della fede oltre che delle armi.

Gli antecedenti razziali di Piankhy sono oscuri e l'ipotesi che fosse di stirpe libica si basa su indizi assai tenui. Tuttavia la sua energica personalitÓ, condivisa dai successori, rende altrettanto improbabile la congettura che fossero semplici discendenti di sacerdoti tebani emigrati prospettata da qualche studioso; i nomi non sono egizi, ma di origine straniera, e certo un sangue nuovo doveva avere immesso nella loro famiglia tanto vigore. E' strano che dopo la disfatta di Tefnakht, Piankhy, a quanto pare, si sia ritirato nella sua cittÓ natale di Napata non lasciando quasi traccia di sÚ nell'Egitto. Fu sepolto a Kuru nella prima piramide degna di questo nome fra una serie di tombe che risalgono a sei generazioni addietro.


Torna indietro Vai alla XXV Dinastia Vai alla XXV Dinastia Elenco Dinastie Vai a "Storia"

Webmaster: Maurizio Lira - mlira@libero.it
Graphics & design: Maurizio Lira   Text & lettering: Simonetta Albericci
Tutte le fotografie pubblicate in questo sito sono di proprietÓ privata ed Ŕ vietato farne uso a fini commerciali.

Torna alla home page
Torna alla Home Page